ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE Totale:35 (35)
Caduti Grandi Guerre  Totale:1 (1)
CARTOLINE Totale:12 (12)
Ciaspolada 2013 Totale:10 (10)
ENTI GRUPPI E ASSOCIAZIONI Totale:11 (11)
ESCURSIONI Totale:4 (4)
Fauna Totale:8 (8)
Filastrocche e proverbi Totale:11 (11)
Flora Totale:16 (16)
fontane Totale:31 (31)
FOTO DI SERGIO EPIS Totale:1 (1)
Le Chiese di Gorno Totale:14 (14)
Manifestazioni Totale:17 (17)
MINIERE DI GORNO Totale:193 (193)
museo virtuale di elettrotecnica Totale:119 (119)
Panorami Totale:24 (24)
Parroci di Gorno Totale:13 (13)
Personaggi Totale:23 (23)
PUBBLICAZIONI Totale:111 (111)
Sport Totale:19 (19)
Storiche Totale:90 (90)
Varie Totale:20 (20)
Vita contadina Totale:45 (45)
Vita religiosa in Val del Riso Totale:125 (125)

   Ci sono 953 immagini nel database.    

Ultime foto inserite:

241-250 (su 953 totali)
« 1 ... 16 17 18 19 20 21 22 23 24 (25) 26 27 28 29 30 31 32 33 34 ... 96 »


Suor Emilia Guerinoni

Suor Emilia GuerinoniPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaVita religiosa in Val del Riso    Ultima modifica18/11/2019 13:10    
Visite1368  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Suor Emilia Guerinoni

deceduta il 3-11-1996

invaldelriso n10 dicembre1996

I Parroci a Gorno

I Parroci a GornoPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaParroci di Gorno    Ultima modifica12/11/2019 20:12    
Visite3448  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Ordine cronologico dei Parroci a Gorno

Clicca qui per consultare il documento

Centrale Val Rogno

Centrale Val RognoPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaMINIERE DI GORNO    Ultima modifica22/10/2019 12:32    
Visite3756  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
MINIERE DI GORNO
Centrale idroelettrica Val Rogno.

Dalla rivista del servizio minerario del 1912

Rispetto, intanto, all'esterno della miniera Riso, è da menzionare l'ultimazione del nuovo impianto idroelettrico, già accennato nel precedente rapporto, che, se di limitata importanza, per la forza ottenibile, è, tuttavia, molto interessante pel complesso di particolari difficili e costosi richiesti, sia nei riguardi della produzione dell'energia, sia in quelli della sua utilizzazione, tornando ad onore del direttore tecnico della miniera, ing. Zay, che lo progettò ed eseguì.
La derivazione si effettua dalla sponda sinistra del torrente Riso, immediatamente a valle della sua confluenza col torrente Musso. Le opere di presa comprendono una diga, costruita in muratura di getto, della lunghezza di m. 70 circa, avente la massima altezza di m. 6, in corrispondenza all'alveo del torrente, con una larghezza di m. 8, alla base e di m. 1.20 al ciglio, nonché una serie di vasche di deposito e di decantazione (le acque contengono sabbie e fango, provenienti dalla Laveria Riso) ed un poz¬zetto di carico.
Da quest'ultimo, parte un sifone metallico, del diametro interno di mm. 560 e della Iunghezza di m. 300, che convoglia le acque, nel quantitativo di litri 300 al 1", ad un altro pozzetto, posto nella località « Fondo Ripa di Gorno ». Il sifone, la cui perdita di carico è di m. 1.40, si rese necessario per le accidentalità del terreno e per l'esistenza di case e strade, che non potevano essere attraversate da un canale.
Dal secondo pozzetto, parte il canale di carico, lungo m. 1 356, e costituito da tubi di cemento, del diametro interno di mm. 700, che sono, accuratamente, connessi, in modo da rendere impossibile qualunque perdita, mentre sono collocati, per la maggior parte, a mezza costa e, soltanto, in piccola parte interrati.
In prossimità della valle « Rogno » trovasi un terzo pozzetto di carico, dal quale parte la condotta forzata, del diametro interno di mm. 550 e della lunghezza di m. 105, che porta l'acqua ad una turbina, con salto utile di m. 48.50. La turbina a reazione, in camera forzata, metallica, con aspirazione di m. 4. 50  è della ditta A. Calzoni di Bologna, la quale costruì, pure, l'ultimo regolatore, a pressione d'olio, di cui la turbina stessa è fornita.
Questa è, poi, direttamente, accoppiata ad un alternatore trifase delle « Officine meccaniche di Rivarolo Ligure », che ha la potenza di 120 KW, colla tensione di 2000 volts e 50 periodi.
L'energia elettrica è trasportata sino all'imbocco della galleria Riso, su di un percorso di circa km.3, a mezzo di una linea area, a tre fili, entra nella detta galleria per un cavo trifase, sospeso alla volta, percorrendo, quindi, il sotterraneo, lungo quasi km. 2, ed esce, poi, dal sotterraneo medesimo, seguendo il pozzo Zay, presso il quale avviene la trasformazione da 2000 a 230 volts.
L'energia sviluppata dall'impianto,all'alternatore è di circa 140 HP. Essa ha permesso di adibire la centrale già esistente di Valnoseda (80 HP) al servizio esclusivo della miniera e della illuminazione, destinandosi alla laveria Riso una parte della nuova forza, mentre l'altra rimarrà a disposizione della minierae della nuova laveria, che è in progetto, nel trattamento dei materiali poveri, provenienti dalla laveria Riso.

Distretto di Milano.





CENTRALI IDROELETTRICHE PER USO MINIERA

Per soddisfare i bisogni di energia elettrica legati all'attività mineraria, furono richieste in tempi successivi alcune concessioni di derivazione d'acqua. La prima domanda venne fatta nel 1893 e l'ultima nel 1929. Un centrale costruita dalla Crown Spelter fu la centrale Val Rogno, di cui oggi resta il fabbricato ad uso ristorante all’inizio della Val del Riso nella località Centrale, che ne ha preso il nome.

A seguito delle istanze favorevolmente accolte, la "Vieille Montagne" allora proprietaria della miniera, costruì due impianti di modesta potenza denominati rispettivamente "Cavrera" e "Costone poi dedicata a Luigi Noble", quest'ultimo impianto ubicato presso il Ponte del Costone in territorio di Casnigo.

La prima centrale denominata Cavrera venne realizzata accanto all'omonimo ponte della Cavrera, è possibile tuttora osservare i resti dell'edificio in completa rovina, sull'antico percorso per Chignolo, provvista di una dinamo ma senza alternatore, capace quindi di produrre energia elettrica solo in corrente continua.

Successivamente, nel 1925 la centrale venne spostata all'interno del ribasso Riso in una camera sotterranea, a 1300 mt. Dall’imbocco principale, dotata questa volta di due turbine delle Costruzioni Meccaniche Riva, e due alternatori della Tecnomasio capaci di sviluppare rispettivamente 160 KVA e 130 KVA in corrente alternata.
Le acque turbinate della centrale Cavrera vennero canalizzate fino alla galleria denominata Maometto, realizzata nel 1930 per portare l’acqua alla centrale del Costone, La quale era dotata di 3 generatori da 500 kw/h cadauno.

Vennero così soddisfatte allora le totali esigenze della miniera consentendo di fornire anche l'illuminazione ai paesi di Gorno, Oneta. Una parete della sala dove sono collocate le turbine venne affrescata con una certa efficacia da un pittore dilettante di Casnigo del quale si è perduto il nome.
Nel 1949 la societa' S.A.P.E.Z., incaricava il geologo Ardito Desio per lo studio di fattibilità di un invaso da realizzare in Val Noseda; il parere tecnico fu positivo ma non fu dato seguito al progetto.


In Val del riso N°11 Dicembre 1995

(foto tratta da "il viaggio dello zinco " di Amerigo Baccanelli)


Citazione:
Periodico In Val del riso

Statuto per mutua assistenza minatori

Statuto per mutua assistenza minatoriPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaMINIERE DI GORNO    Ultima modifica19/10/2019 19:44    
Visite952  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Statuto cassa mutua paritetica interna contro le malattie a favore degli operai occupati presso la società miniere e fonderie di zinco VIEILLE MONTAGNE (sezione di Gorno) anno 1930



Citazione:
fabrycjx2019

Un paese un fotografo: Giorgio Bonomi

Un paese un fotografo: Giorgio BonomiPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaPUBBLICAZIONI    Ultima modifica12/10/2019 17:54    
Visite659  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
amministrazione comunale e biblioteca civica di Gazzaniga
titolo: un paese un fotografo
Gazzaniga nelle immagini di Giorgio Bonomi
a cura di Francesco Trombetta
pubblicazioni "il filo di arianna"


Biografia:

Giorgio Bonomi nasce a Gazzaniga, in località Masserini, denominala Mösc il 28 novembre 1896 da Santo, di professione contadino e Santa Bonomi proveniente da Casnigo.
Giorgio è il primo maschio di nove figli, supera la quinta elementare ma non vuole seguire il padre che intende fare di lui un contadino, così all'età di dieci anni, arrivato a Gorno al seguito del padre che vi si reca a falciare, si ferma presso una famiglia del paese, la famiglia Calegari, lavorando prima come aiutante muratore e poi come imbianchino.
A questo periodo risalgono la passione della pittura, dipinge alcune "santelle", comprese quelle che portano alla Madonna del Frassino, sopra Oneta e le prime esperienze come fotografo dilettante. Alla permanenza a Gorno si deve pure l'attaccamento affettivo che lo porterà poi  fotografo di professione a ripercorrere la valle del Riso e a scattare numerose immagini degli abitanti e del paesaggio. Nel novembre 1915 Giorgio Bonomi viene chiamato alle armi nel V reggimento alpini e partecipa ai combattimenti sull'altopiano di Asiago. Viene fatto prigioniero alla fine di maggio nel 1916 e inviato nei campi di prigionia di Innshruck e Vienna. Durante la prigionia lavora nella centrale elettrica di Simnering. A Vienna rimpatriato nel 1918, viene congedalo alla line del del 1919.
Nel 1920 viene  assumo come falegname al reparto manutenzione presso il Cotonificio Valle Seriana. In questi anni partecipa alla lotta sindacale tra i seguaci di Romano Cocchi e conosce la futura moglie. Caterina Pezzetti, figlia della "gestora" del Circolo dei lavoratori di Endine Gaiano.

Nel gennaio del 1922 si sposa: alla fine dell'anno si ammala, sono gli strascichi della guerra ed è costretto a lasciare il lavoro presso il cotonificio. In questo stesso periodo abbandona anche l'attività sindacale, non condividendo la fusione tra l'unione del lavoro di Bergamo e la Camera del lavoro. Nasce cosi la decisione di trasformare in professione li passione per la fotografia e Giorgio Bonomi apre il suo primo studio fotografico a Gazzaniga, in via Castello, ora via S. Rocco. Nel 1925 si iscrive alla Camera di commercio. Nel 1927 partecipa a Monza al primo congresso dei fotografi italiani, in seguito trasferisce lo studio in via Gelmi per sistemarsi¬ poi in modo definitivo in via Marconi. Nel 1932 apre una succursale a Ponte Nossa, dove lavora nei giorni di giovedì e domenica, mentre la moglie Rina, ottenuta a sua volta la licenza opera a Gazzaniga durante la sua assenza
Negli anni della sua attività come fotografo del paese, Giorgio Bonomi ha sempre preferito lavorare con la luce naturale e macchine a lastre (dal 6x9 al 18x24), ia per le fotografie industriali che per quelle di paesaggio e di manifestazioni politiche e religiose. Nel 1970, Giorgio Bonomi ormai in età avarzata, chiude lo studio di Ponte Nossa e si trasferisce a Fiorano. Nel 1973 muore la moglie Rina e Bonomi chiude lo studio di Gazzaniga, mentre continua fino al 1975
ad esercitare l'attività, sia pure molto limitata, nello studio di Fiorano. Anche dopo aver chiuso questo studio, continua a scattare fotografie per amici e parenti.

Giorgio Bonomi muore il 24 gennaio 1979.

rete bibliotecaria bergamasca

Citazione:
fabrycjx2019







IL VIAGGIO DELLO ZINCO

IL VIAGGIO DELLO ZINCOPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaPUBBLICAZIONI    Ultima modifica2/10/2019 12:22    
Visite2260  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Autore Amerigo Baccanelli 2007
approfondimenti
sistema bibliotecario

leggilo qui

In Val del Riso n°124 ottobre 2007

Citazione:
fabrycjx 2017

Gorno: prima festa "tutti insieme"

Gorno: prima festa "tutti insieme"Popolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaStoriche    Ultima modifica1/10/2019 18:12    
Visite598  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Gorno:
prima festa "tutti insieme"
anno: ??
Citazione:
fabrycjx2019

minatore sopra fornello

minatore sopra fornelloPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaMINIERE DI GORNO    Ultima modifica18/9/2019 11:16    
Visite3613  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
MINIERE DI GORNO

Minatore sopra fornello
La grata su cui poggia il minatore serviva per calibrare la pezzatura del materiale riversato; se necessario i massi dovevano essere rotti manualmente con la mazza.
Non meno importante, era la protezione che la grata offriva da cadute accidentali nel fornello, il quale poteva essere  profondo anche più di 50 mt, per trasferire il minerale al ribasso sottostante dove sarebbe stato estratto per essere trasportato all'esterno della miniera.

Di seguito la descrizione del perito minerario C.C. che suggerisce l'applicazione di tali griglie:

Cantiere 158  controllo: bloccaggio, L'appezzatura del grezzo deve essere contenuta entro dimensioni  opportune, per ovviare l'inconveniente  troppo  spesso gravoso  e dispendioso d'intasare i  fornelli  di  gettito del minerale e l’incagliamento dei frantoi negli impianti di  arricchimento.  A tale scopo alla sommità dei  fornelli vengono  predisposte griglie. Sono esse vecchie rotaie che possono essere disposte in senso longitudinale od a maglia; la distanza dei suoi elementi permette di definire il bloccaggio del grezzo entro i limiti desiderati. Le griglie hanno inoltre la funzione importantissima di salvaguardare la sicurezza e la incolumità del minatore e di quanti fossero poco pratici e sprovveduti della miniera che se non fossero avvertiti dalla loro presenza cadrebbero nei fornelli con effetti talvolta tragici. L'operaio  addetto a tale compito  deve   curare  in modo attento e scrupoloso l'appezzatura del materiale ricucendone opportunamente le dimensioni e, se ciò non fosse  possibile per le dimensioni e la compattezza del materiale ricorrere alle tavolette dì rottura. Riporto  il disegno  della griglia presa da me in considerazione e sotto controllo:Essa è risultata efficiente e funzionale. Il grezzo,trasportato dalla autopala sino al fornello, non ha presentato difficoltà per una eventuale  riduzione, essendo  stato poco duro e  compatto ed inoltre l'appezzatura era piuttosto normale. Qualora le  caratteristiche del materiale lo richiedessero, suggerirei l'impiego di due operai alla griglia, questo favorirebbe la continuità del lavoro ed un rendimento nettamente  superiore. Preciso che la griglia in questione bene si presta alla attuazione del mio riscontro.


Norme di comportamento per la sicurezza in miniera

Citazione:
fabrycjx 2012


UNA CAMPIONESSA NEL CALCIO FEMMINILE

UNA CAMPIONESSA NEL CALCIO FEMMINILEPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaSport    Ultima modifica6/7/2019 12:19    
Visite2806  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Anna Serturini

Ho iniziato a giocare a 5 anni nella squadra del paese U.S. Val del Riso fino al 2008
Nel 2008 sono stata chiamata da Paolo Rossi per uno stage in Toscana, a Poggio Cennina.
Dal 2008 al 2011 ho giocata nell'Atalanta ottenendo molte vittorie.
Dal 2012 gioco nel Brescia, dove milito tutt'ora, sono stata chiamata a fare la rappresentativa lombarda per le qualificazioni, prima a Marina di Massa classificandoci prime come Lombardia e successivamente a Chianciano Terme classificandoci terze dopo la vittoria sul Lazio.
Sono stata convocata per la mia prima volta in nazionale dal 9 al 12 giugno a Soragna Parma, sono stata convocata dal 14 al 20 luglio a Norcia, quindi  quest'ultima convocazione dal 2 al 8 settembre, 2 amichevoli contro la Francia sempre a Norcia. A inizio maggio 2013 sono stata in Croazia, a Umago dove abbiamo giocato contro tre squadre croate e una slovena classificandoci se onde. Sono stata premiata come capocannoniere con 8 goal in 4 partite; in questi anni ho vinto molte coppe come miglior giocatore e anche come capocannoniere e spero di vincerne molte altre nella mia carriera.

La nostra compaesana Anna Serturini scenderà in campo alla WU17 World Cup - Costa Rica 2014


UNDER 17: PEZZOTTA E SERTURINI CONVOCATE PER IL DOPPIO TEST CON LA FRANCIA


VIDEO BRESCIA FEMMINILE


CALCIOBRESCIANO Anna Serturini

Premio C.O.N.I, al valore atletico

ottobre 2018: convocata in nazionale maggiore

Riassumendo a 21 anni ha nel suo palmares  2 coppe Italia, 3 supercoppe italiane, 1 campionato italiano, la piu giovane della nazionale italiana a partecipare al mondiale 2019 grazie anche a una nella  Roma con 11 goal in 22 partite.




Corpo musicale di Gorno

Corpo musicale di GornoPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaStoriche    Ultima modifica22/6/2019 21:46    
Visite651  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Gorno anno 1914

Corpo musicale

Citazione:
fabrycjx2019

241-250 (su 953 totali)
« 1 ... 16 17 18 19 20 21 22 23 24 (25) 26 27 28 29 30 31 32 33 34 ... 96 »



Cerca in Valdelriso

Link Utili

Plan what to see in Gorno with an itinerary including Ecomuseo Miniere