Foto : Filastrocche e proverbi ses de zener

[<   Precedente  4  5  6  7  8  9  10  

ses de zener
ses de zenerPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   Ultima modifica4/1/2014 10:08    
Visite1850  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Ses dè Zener



Longa longana lè sa la bèfana
cargada ‘d bèlì la e zo dal camì,
la pont ‘n di scarpe dè chi fa la nana
trenì, caalì, pöe e pöì;
la e bel belase, col pass ligerì
stropada dal frecc dè la nocc chè sberlüs
con töce chi stèle ch’i par candelì
‘mpiacc sö dal vent chè ‘l ga peca ‘ndol müs.
Ma le la set mia gna ‘l frecc gna ol vent.
‘N di cà chè sta be  la descarga dal volt
e ‘n chi poarete la  laga ‘l so cör
e ‘ mpo de culur di feste che i mör.
Salute Bèfana cosè met lagàt?
‘M po dèl to sae a ca mè met portat?  

traduzione:

Sei di gennaio


Lenta lenta arriva la befana
carica di balocchi scende dal camino,
li mette nelle scarpe di chi sta dormendo
trenini, cavallini, bambole, pupazzi;
arriva piano piano, col passo leggero
sferzata dal freddo della notte che brilla
con tutte quelle stelle che sembrano lumini
accesi dal vento che batte il suo volto.
Ma lei non sente ne il freddo ne il vento.
Nelle case dei ricchi scende dall’alto
in quelle povere lascia il suo cuore
e un po’ di colore della festa che muore.
Salve befana, cosa mi hai lasciato?
Un po’ delle tue virtù anche a me hai portato?


Tratto da: "Bei laur de Goren"  di Luigi Scolari


Citazione:
fabrycjx1/2014

[<   Precedente  4  5  6  7  8  9  10  

I commenti sono di proprietà degli autori. Si declina ogni responsibilità sul loro contenuto.


Cerca in Valdelriso

La Valle del Riso

 

Link Utili

Plan what to see in Gorno with an itinerary including Ecomuseo Miniere