ARCHEOLOGIA INDUSTRIALE Totale:35 (35)
Caduti Grandi Guerre  Totale:1 (1)
CARTOLINE Totale:12 (12)
Ciaspolada 2013 Totale:10 (10)
ENTI GRUPPI E ASSOCIAZIONI Totale:11 (11)
ESCURSIONI Totale:4 (4)
Fauna Totale:8 (8)
Filastrocche e proverbi Totale:11 (11)
Flora Totale:16 (16)
fontane Totale:31 (31)
FOTO DI SERGIO EPIS Totale:1 (1)
Le Chiese di Gorno Totale:14 (14)
Manifestazioni Totale:17 (17)
MINIERE DI GORNO Totale:186 (186)
museo virtuale di elettrotecnica Totale:119 (119)
Panorami Totale:24 (24)
Parroci di Gorno Totale:13 (13)
Personaggi Totale:22 (22)
PUBBLICAZIONI Totale:105 (105)
Sport Totale:19 (19)
Storiche Totale:90 (90)
Varie Totale:20 (20)
Vita contadina Totale:45 (45)
Vita religiosa in Val del Riso Totale:122 (122)

   Ci sono 936 immagini nel database.    

Ultime foto inserite:

281-290 (su 936 totali)
« 1 ... 20 21 22 23 24 25 26 27 28 (29) 30 31 32 33 34 35 36 37 38 ... 94 »


VITA CONTADINA

VITA CONTADINAPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaVita contadina    Ultima modifica15/11/2016 18:34    
Visite2307  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
VITA CONTADINA: L'ALIMENTAZIONE



COSA MANGIAVANO I CONTADINI BERGAMASCHI UNA VOLTA?

Se provassimo a chiederlo a qualche ex mezzadro ci sentiremmo rispondere immancabilmente :
“Polenta! Polenta e ancora polenta!”.
Identica risposta otterremmo da un agricoltore della Val Seriana, dell’Isola tra il Brembo e l’Adda, da un salariato agricolo della pianura, che aveva diritto ad una parte del granoturco prodotto sul fondo in aggiunta alla retribuzione in denaro.
La polenta di granoturco fu l’elemento fondamentale della dieta quotidiana delle popolazioni rurali bergamasche.
Nella memoria popolare la polenta è la prima onnipresente componente della razione  alimentare giornaliera.
Polenta con il latte “allungato”, con i radicchi tagliati sottili e mezzo uovo lesso, con ogni genere di frutta e verdura, con le frittelle di mele cotte nello strutto, con i mirtilli delle abetaie alpine, addirittura, come proverbiale, “polenta e pica so”, polenta insaporita dal semplice contatto con un’aringa, “arench”, ma sempre, sostanzialmente, polenta.    

LA PREPARAZIONE DELLA POLENTA


La polenta di granoturco, così come essa è giunta sino a noi, risulta di semplice e abbastanza veloce preparazione; non occorre che un paiuolo, un bastone lungo 40/50cm leggermente ricurvo ed appiattito ad una estremità, acqua, farina gialla e sale. Esso, elemento determinante per ottenere una buona polenta, era un tempo un bene prezioso del quale spesso le classi popolari dovevano fare a meno. La polenta tradizionale era piuttosto soda e compatta. Nel paiuolo si pone acqua in proporzione alla quantità di polenta che si vuole ottenere, mediamente circa 3 l per un chilogrammo di farina, e la si sala; qualcuno lo fa subito, altri quando l’acqua sta per giungere ad ebollizione. Un pugno di sale basta per una polenta ottenuta da 1 kg di farina. Quando il primo bollore si manifesta sulla superficie dell’acqua, con una mano si versa a pioggia la farina, mentre con l’altra si mescola rapidamente l’impasto ancora fluido col bastone. Con esso si rimesta quindi continuamente avendo cura di sollevare completamente dal fondo tutta la massa che progressivamente si addensa sino a formare un insieme omogeneo e coerente. La cottura necessaria in genere è di 45/50 minuti: quando viene raggiunta l’impasto si presenta sodo e compatto nel paiuolo. Allora la polenta si stacca facilmente dal fondo e dalle pareti, ormai completamente rivestite da una crosta croccante che i bambini un tempo si disputavano.

NON SOLO POLENTA

La polenta si accompagnava a qualsiasi pietanza: ai frutti di stagione, - con i fichi era particolarmente apprezzata *-, alle verdure fresche e cotte: cicorie, radicchi, erbette, spinaci, cavoli, cipolle, radici amare. La polenta eventualmente avanzata a mezzogiorno veniva consumata fredda la sera o la mattina seguente. La sera faceva frequente comparsa quella “brustulida”: polenta fredda, tagliata a fette e arrostita sulla graticola fino a che non si fosse formata sulla sua superficie una spessa crosta croccante. Per cena la si accompagnava con latte, vino, zuppa, minestra o verdura.
Talvolta, con la polenta appena scodellata dal paiuolo si preparava la “schisola” o “schiseta” o “chisol”, una schiacciata di polenta farcita con formaggio molle, abbrustolita anch’essa sulla graticola fino che il cacio risulti fuso all’interno e sulla superficie della polenta si sia formata una bella crosta. Era una prelibatezza riservata soprattutto ai bambini che facevano a gara per arrivare primi a cuocere sul camino la loro “schisola”.
La “polenta bollita” si preparava col latte e la polenta fredda tagliata a tocchetti poi involti nella farina di frumento. Questi venivano messi nel latte, quasi sempre allungato con acqua, salati e lasciati bollire per circa un quarto d’ora; ne risultava una minestra piuttosto densa, consumata di frequente, la sera, per la cena di tutta la famiglia.
Simile alla polenta bollita è la “polenta e latte” di ancor più semplice preparazione: nella scodella si pongono fettine sottili di polenta fredda, sopra la quale viene versato il latte ben caldo. La polenta fredda, sbriciolata e di nuovo impastata con farina di frumento, costituiva la materia prima di un tipo di gnocchi, cotti nel latte, chiamati in qualche località gnoch in del lac.
Diffusa nelle valli bergamasche era la polenta cunsada, della quale esistono diverse versioni, ma i cui componenti sono sempre essenzialmente polenta, formaggio, burro o panna. Anche quella “taragna” fa parte della famiglia delle polente conciate o pasticciate; piatti ricchi, da giorno di festa, polente da leccare anche il bastone che è servito per rimestarle, come recita questa bella filastrocca raccolta a Gandino:


In Valle Brembana la polenta cunsada qualcuno la preparava così: si cuoceva una polenta normale, piuttosto tenera; quando era cotta si scodellava sulla taera, si tagliava a fette; in una zuppiera si poneva uno strato di fette di  polenta e quindi uno strato di stracchino molle, poi ancora polenta e quindi stracchino. Su tutto si versava un po’ di panna cotta.
Anche la polt o pult risulta dall’incontro tra la polenta e il latte. È una polenta assai tenera ottenuta mescolando farina di granoturco e farina di frumento, ma anche solo con farina gialla; si cuoce in acqua o nel latticello. Durante la preparazione con della farina bianca bisogna dedicare molta attenzione alla
cottura per evitare la formazione dei grumi. I tempi di cottura sono analoghi a quelli della polenta, l’impasto però deve rimanere morbido sino alla fine. Allora lo si toglie con un mestolo dal paiuolo e lo si ripone nelle scodelle: sopra si versa latte freddo, ma qualcuno lo condiva con burro fuso e formaggio.
Un piatto povero ricordato da molti come il più caratteristico di una economia agricola ormai scomparsa, era il pulentì ‘n do l’öle, la polenta con olio di lino. L’olio si otteneva mediante spremitura della farina ottenuta dopo la macinazione dei semi nel frantoio. L’olio do lino era usato anche come combustibile per le lampade.
Ancora in montagna, soprattutto in Valle Brembana si diffuse la polenta taragna, confezionata con farina di granoturco, diversamente da quella valtellinese fatta utilizzando il grano saraceno.
La polenta taragna è piatto da giorno di festa, occasione di incontro conviviale

I CASONCELLI

La confezione dei casoncelli inizia, con la preparazione del ripieno, composto da pangrattato, formaggio, un cotechino tritato finemente, prezzemolo e aglio, e a volte un uovo e un poco di latte. Qualcuno fa soffriggere brevemente il cotechino con il prezzemolo e l’aglio prima di aggiungerlo all’impasto, che deve risultare abbastanza solido e coerente, cosicché sia possibile ridurlo a palline delle dimensioni di una biglia da bambini. Quelle palline di ripieno si posano una ad una sulla sfoglia di pasta, tirata piuttosto sottile con il mattarello e tagliata a cerchi per mezzo di un bicchiere capovolto. Si chiude il ripieno all’interno del cerchio di pasta, formando una specie di barchetta o di fiocco. Al  momento della cottura i casoncelli vengono tuffati in abbondante acqua calda, non ancora bollente e si lasciano cuocere per una mezz’ora, prima di condirli con burro fuso salvia e formaggio. Qualcuno aggiunge al condimento pancetta tagliata a cubetti.
Nelle grandi occasioni, ad esempio la festa del santo patrono del paese o un pranzo di nozze o di battesimo, si preparavano i casonsèi o ravioli.

“TE-EDÈI, FOIADE, BORFADÈI…”

Con la farina di frumento si preparavano i te-edèi, ossia i tagliolini, la tradizionale paste delle minestre di latte o di brodo. Si impastavano la farina con acqua tiepida, un pizzico di sale, a volte un uovo e si lavorava il tutto con cura; si spianava l’impasto col mattarello, e si tagliava a striscioline larghe meno di un centimetro e queste venivano tagliate a segmenti di 3-4 centimetri. Infine si lasciavano asciugare e poi le si infarinava, prima della cottura.
Parenti strette dei tagliolini sono le foiade; le lasagnette di forma quadrata preparate allo stesso modo dei te-edei, ma con pasta tagliata un po’ più sottile. Venivano cucinate come pasta asciutta e condite con un soffritto di lardo e di burro con salvia. Nel secolo scorso la pastasciutta era un piatto speciale, da grandi occasione. I borfadei sono invece una farinata ottenuta stemperando farina di frumento nel latte bollente, leggermente salato. Anche in questo caso il latte veniva spesso annacquato. Assai simili sono i fregaröi che si preparavano innaffiando leggermente di acqua o latte la farina bianca che sfregandole tra le mani in modo che formi grumi che poi si cuociono nel latte o nel latticiello. Un altro piato ormai tipico è costituito dai gnoch biscoc: una minestra asciutta, preparata con pane raffermo grattuggiato, formaggio e latte. Si otteneva un impasto tenero, si poneva a cucchiaiate nell’acqua bollente: l’impasto si rapprendeva e formava gnocchi che dopo pochi minuti di cottura si sgocciolavano e si condivano con burro e formaggio. Sinonimo di festa erano anche due altri piatti, tipici di carnevale: le frittelle di frutta e le salta sö, ossia le chiacchiere. Le prime si mangiavano spesso con una fetta di polenta. Si preparavano le frittelle con uva isabela appassita, con fichi secchi o con mele.
Dello zucchero naturalmente si faceva un uso moderato: esso aveva preso il posto del miele. Nei paesi della collina edella montagna apicoltori – contadini producevano miele e cera. All’inizio dell’ottocento si contavano 78 alveari a Parre, 120 a Clusone, 47 a Schilpario, 120 ad Ardesio.  


IL PANE DI PATATE

Nelle alte valli dove si coltivavano le patate su superfici abbastanza estese, si produceva in casa un pane ricavato da un impasto di farina e frumento e una quantità di pasta di patate, ottenuta da tuberi lessati, privati della buccia e schiacciati. Il gusto recente di trovare nei sapori le radici contadine ha fatto si che in qualche fornaio sia riapparso recentemente "il pane di patate" venduto come una specialità. Nel quinquennio 1879-1883 a Clusone i 4 ettari di terreno coltivati a patate davano un raccolto medio annuo di 91.75 quintali per ettaro.

Citazione:


Suor Rosina dell'Eucarestia

Suor Rosina dell'EucarestiaPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaVita religiosa in Val del Riso    Ultima modifica4/11/2016 11:26    
Visite1277  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Suor Rosina dell'Eucarestia

Ines Maringoni dell'Ordine Figlie della Sapienza - Scomparsa il 22/11/2003

Don Emilio Gibellini

Don Emilio GibelliniPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaVita religiosa in Val del Riso    Ultima modifica4/11/2016 11:22    
Visite1388  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Don Emilio Gibellini

Il parroco di Gorno don Giulio Bosatelli
sessant' anni fa, nel "cronicon" (libro delle memorie della parrocchia) del 1943 riporta due avvenimenti che riguardano la nostra comunità che meritano di essere ricordati: l'ordinazione sacerdotale di don Emilio Gibellini, della contrada dei Peroli Bassi, e la visita pastorale del Vescovo Mons. Adriano Bernareggi. Così scrive il parroco: "Per circostanze dovute alla sua malferma salute, Mons. Vescovo aveva deciso di anticipare al Diacono D.Emilio Gibellini di Gorno la sacra Sacerdotale Ordinazione. Nel frattempo D.Emilio si trovava degente all 'Ospedale Civile di Bergamo. L'ordinazione ebbe luogo in Seminario la domenica 21 febbraio presenti tutti i chierici ed un piccolo numero di famigliari. Il giorno seguente 22 febbraio celebrava la sua prima Messa nella Cappella dell 'Ospedale assistito dai Religiosi di S.Francesco e da alcuni compagni, con la presenza dei Dirigenti dell'Ospedale. Il cugino D.Antonio Seghezzi tenne il discorso di circostanza ... Ma la festa in Gorno era riservata alla Domenica seguente 28 febbraio. Tutta la popolazione è concorsa con offerte per rendere bella la festa. D. Emilio giunse al mattino in paese ricevuto privatamente dai famigliari, dal parroco e da vari sacerdoti, fra cui D.Adamo Telini. Era accompagnato dallo zio D.Fermo Gibellini parroco di S. Gregorio e dal cugino D.Antonio Seghezzi". Lo stesso giorno, dopo il ricevimento delle autorità all ' asilo, celebra nella parrocchiale la sua prima S. Messa a Gorno. Dopo una "breve colazione" in canonica, al pomeriggio nel teatro dell ' oratorio si tiene una modesta rappresentazione in suo onore.
Don Emilio dopo pochi giorni di permanenza a Gorno presso i familiari viene ricoverato al sanatorio di Arco di Trento dove muore il 18 ottobre dello stesso anno a solo 25 anni di età e ad otto mesi dall'Ordinazione.
Nella fotografia l'allora "sacerdote novello".

(Fonte periodico In val del Riso N°109 dicembre 2003)

S.A.P.E.Z.

S.A.P.E.Z.Popolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaCARTOLINE    Ultima modifica11/10/2016 11:01    
Visite2315  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Panoramica della Valle del Riso con a fondo valle lo stabilimento per la produzione di zinco elettrolitico S.A.P.E.Z.
Orari di Lavoro
impiegati amministrativi e manutenzione
8-12/13-17

impiegati e operai addetti alla produzione a ciclo continuo su tre turni di lavoro
6-14/14-22/22-6

La sirena o fischio, risuonava su tutta la valle alle 5.45 e alle 6.00 per il primo turno
alle7.45 e alle 8 per i giornalieri
alle 13.45 e alle 14.00 per il secondo turno
alle 17.00 per i giornalieri
alle21.45 e alle 22.00 per il terzo turno

(dati ricavati dalla predisposizione dell'orologio madre che attivava la sirena e che pilotava i due orologi di timbratura uno per gli impiegati e uno per gli operai

Da: In Val del Riso N°12 dicembre 1978

Citazione:
fabrycjx2013

Gorno Incontri Tra Montani "L'attività mineraria nelle Alpi"

Gorno Incontri Tra Montani "L'attività mineraria nelle Alpi"Popolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaPUBBLICAZIONI    Ultima modifica10/10/2016 14:09    
Visite1021  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Gorno 23-24-25 settembre

Incontri Tra Montani
"L'attività mineraria nelle Alpi, il futuro di una storia millenaria"

Riassunto relazioni dell'incontro

Scaricalo qui

foto dell'evento qui

Suor Maria Cabrini

Suor Maria CabriniPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaVita religiosa in Val del Riso    Ultima modifica10/10/2016 13:23    
Visite1568  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Suor Maria Cabrini

Al secolo suor Giovan Battista
Figlie della Sapienza" di Clusone.

In Valdelriso N°159 luglio 2016

LAVERIA NEL 2013

LAVERIA NEL 2013Popolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaARCHEOLOGIA INDUSTRIALE    Ultima modifica9/10/2016 9:12    
Visite1689  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Miniere di Gorno
Laveria di Riso
LAVERIA NEL 2013

THE MINERAL INDUSTRY


Italy, — The great bulk of zinc and lead ores comes from Sardinia; but at Bergamo, the English Crown Spelter Co., the Vieille Montague, the Society Austro Belga and the Society Orobia together returned 17,320 metric tons of 43 per cent. Zn ores in 1910; these are smelted in foreign countries. Zinc ore exported from Italy in 1911 was 78,948 tons.


(Traduzione)

Italia, - La grande massa di minerale di zinco e di piombo viene dalla Sardegna; a Bergamo, l'inglese the english crown Spelter Co.,la Vieille Montague, la Società austro Belga e la Società Orobia nel 1910 insieme danno 17.320 tonnellate al 43 per cento.; questi sono fusi in paesi stranieri. Il minerale di zinco esportato dall 'Italia nel 1911 era di 78.948 T.

fonte:
http://www.ebooksread.com/authors-eng ... al-industry-goo-838.shtml


foto di Fabrizio Scolari

Video di Stefano Zanotti sul degrado della struttura girato il 21 aprile 2016 clicca qui


Citazione:
FABRYCJX1/2014

I NONNI

I NONNIPopolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaFilastrocche e proverbi    Ultima modifica8/10/2016 22:38    
Visite1445  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
I nonni

Ci sono delle cose
che solo i nonni sanno,
son storie più lontane
di quelle di quest’anno.
Ci sono delle coccole
che solo i nonni fanno,
per loro tutti i giorni
sono il tuo compleanno.
Ci sono nonni e nonne
che fretta mai non hanno:
nonni e nipoti piano
nel tempo insieme stanno.



Citazione:
(Bruno Tognolini)

Arabidopsis alleri (arabetta)

Arabidopsis alleri (arabetta)Popolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaMINIERE DI GORNO    Ultima modifica9/8/2016 11:38    
Visite1235  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Miniere di Gorno
Arabidopsis alleri (arabetta)

ingrandisci foto


leggi di piu qui

Citazione:
fabrycjx2016

Laveria di Oneta anni 60

Laveria di Oneta anni 60Popolare
Inviato dafabrycjxAltre foto da fabrycjx   CategoriaStoriche    Ultima modifica6/8/2016 12:43    
Visite1392  Commenti0    0.00 (0 voti)0.00 (0 voti)
Miniere di Gorno

Laveria gravimetrica di Oneta anni 60

Citazione:
fabrycjx2016

281-290 (su 936 totali)
« 1 ... 20 21 22 23 24 25 26 27 28 (29) 30 31 32 33 34 35 36 37 38 ... 94 »



Cerca in Valdelriso

Link Utili

Plan what to see in Gorno with an itinerary including Ecomuseo Miniere